http://marketinglegale.it/images/studio-legale-avvocati.jpg
avvocato difesa penale reati molestie sessuali cinisello balsamo

Studio Legale | Diritto Penale | Avvocato Penalista

Deterioramento, rottura di dispositivi informatici

avvocato reati Deterioramento, rottura di dispositivi informaticiDeterioramento, rottura di dispositivi informatici o telematici. L'art. 635 c.p. (deterioramento) prevede per colui che distrugge, rovina, deteriora, del tutto o in parte, i beni mobili o immobili di altri soggetti la perseguibilità, tramite querela del soggetto leso, con l’arresto fino a un anno o con la multa fino a 309 euro.

Il reato di deterioramento viene punito con l’arresto da sei mesi fino a tre anni, e si attua la procedura d'ufficio, se: si fa uso della forza sul soggetto o si attuano azioni intimidatorie; nel caso in cui il reato viene commesso da imprenditori in fase di chiusura, o da lavoratori che scioperano, o nelle circostanze di inadempienze di servizi d'opera pubblica o di pubblica necessità (art. 331 c.p.); su fabbricati pubblici o destinati all’uso comune o alle attività religiose o su beni di rilievo storico o artistico presenti nei centri storici, o su beni che si trovano in uffici o fabbricati pubblici, o in regime di sequestro, o mostrati per necessità o per conferimenti alla pubblica credenza, o destinati al pubblico ufficio o uso, tutela o venerazione; si tratta di terreni destinati all’irrigamento; riguarda alberi di viti e di frutti, o boschi, foreste, o serre boschive destinate per la riforestazione.

Invece, il reato di deterioramento di sistemi informatici o telematici disciplinato dall'art. 635-bis c.p., si riferisce ai soggetti che distruggono, rovinano o deteriorano, del tutto o in parte, i sistemi informatici o telematici di terzi, o alterano le informazioni e applicazioni dei suddetti impianti.

Siffatto reato viene punito, tranne se si determini un reato ancora più grave, con l’arresto da sei mesi a tre anni.

La punizioni si inasprisce e prevede l’arresto da 1 a 4 anni, nel caso in sui si determini una o più delle succitate circostanze, o se il reato viene commesso eccedendo nel proprio ruolo di addetto all’impianto. Infrazione, detrazione o eliminazione di corrispondenza.