http://marketinglegale.it/images/studio-legale-avvocati.jpg

reato penale bestemmia

reato-penale-bestemmiaAl termine di una seduta caldissima la Camera ha votato ieri l’abrogazione dell’articolo 724 del codice penale. Da oggi chi bestemmia potrà farlo senza rischiare sanzioni pecuniarie. Il provvedimento è arrivato giusto in tempo per interrompere il processo in corso a L’Aquila per la famosa bestemmia dell’orchidea dedicata a rb.

reato penale bestemmia

Il regista dell’operazione, l’avvocato ng, ha manifestato ai giornalisti la sua soddisfazione per aver impedito ai giudici abruzzesi di proseguire nel proprio accanimento contro il premier senza dimenticare la rilevanza più generale della novità legislativa: “Abbiamo adottato un provvedimento di pulizia dell’ordinamento.

reato penale bestemmia

Già da tempo la bestemmia non era più reato ma semplice illecito amministrativo: se non ci fosse stato di mezzo il premier, a questa magistratura prevenuta e politicizzata non sarebbe mai venuto in mente di andare a scovare negli scantinati del codice penale questo articolino ormai dimenticato”.

Più cauti i toni utilizzati da cg, al quale la bestemmia proprio non deve essere andata giù. “In aula non era tanto in discussione il ruolo della religione nel nostro Paese, quanto la compattezza della maggioranza, chiamata a votare su una questione ipocritamente posta da chi prima difende eutanasia e aborto, e poi strumentalizza una semplice gaffe per montare un’indegna campagna denigratoria”.

Con la faccia dei giorni peggiori e senza rilasciare dichiarazioni ha abbandonato Montecitorio la teocon pb che, con la sua appassionata campagna antiabrogazionista, ha convinto qualche parlamentare dell’area formigoniana, senza riuscire a mettere in minoranza il governo.

Decisivi per la vittoria della maggioranza, a sorpresa, sono risultati i voti della neonata corrente radicale del Pd, cui deve aver dato energia il ritiro dalle scene politiche di bp.“La bestemmia non esiste”, ha dichiarato il leader della corrente, “e non può essere punita dalla legge in quanto non-senso logico.

Le ‘invettive o parole oltraggiose, contro la divinità’, come il codice penale definisce la bestemmia, non possono essere pronunciate dal credente poiché rispetta il comandamento ‘Non nominare il nome di Dio invano’, né dall’ateo che non nominerà colui che non ritiene esistere”.

Il parlamentare di sinistra ha quindi concluso, replicando a chi osservava come in realtà egli negasse una pratica assai diffusa: “Per il credente quella che, sbagliando, si definisce bestemmia, è la rabbiosa espressione del dubbio che coglie nei momenti di difficoltà, quelli in cui il dubbio, appunto, allontana dal dogma e può giustificarsi in tali circostanze.

Cos’altro era, se non un’espressione del dubbio, l’invocazione di Gesù in croce ‘Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?’. Perdonato il credente, deve essere perdonato anche colui che non crede, per una sorta di ‘incapacità di intendere e volere’.

Perché mai chi non crede (o chi fa finta di credere per opportunismo politico, sociale od economico) dovrebbe pronunciare il nome di un’entità che non conosce e non riconosce. Per il non credente che bestemmia, Dio è un insieme di tre lettere privo di senso. Chi pronuncia una successione di lettere prive di senso deve essere trattato come un idiota e non come un criminale”.

Studio Legale | Diritto Penale | Avvocato Penalista

risarcimento danno: esistenziale patrimoniale biologico economico morale

avvocato risarcimento danno: esistenziale patrimoniale biologico economico moraleInvece, il danno esistenziale è quello che deriva dall’imposto abbandono dell’attuazione di incarichi che non producono reddito, ma che sono motivi di piacere o gratificazione per il soggetto lesa, ma che non pregiudica il benessere psicofisico della persona, l'studio legale specializzato in diritto penale conta con diverso avvocati penalisti e cassazionisti nel suo staff e ha una rete di domiciliatari e collaboratori in tutta l'Italia, principali sedi a : Roma, Milano, Napoli,Torino, Palermo, Genova, Bologna, firenze, Padova e Cagliari. Siffatto danno, tuttavia, è stato elaborato di recente dalla giurisprudenza, e non ha precisi riferimenti di legge.

Altresì, il medesimo si differenzierebbe da quello patrimoniale, in quanto non viola l’ambito economico; da quello morale, in quanto non determina una sofferenza ma semplicemente l’astensione da un incarico; infine da quello biologico, in quanto non vi è la messa in atto di una vera e propria violazione dell’individuo in quanto tale, che determinerebbe un danneggiamento al benessere psicofisico del soggetto leso (Cass. 7.6.2000, n.7713; Cass. 3.2.1999, n. 911). Anche l’inidoneità temporanea e quelle permanente differiscono tra loro.

La prima prevede una durata temporale della malattia, ovvero il tempo necessario che serve per guarire e curare le lesioni che un soggetto ha riportato in seguito ad un incidente, e per tornare nuovamente a lavoro. In questo arco di tempo, il danneggiato viene risarcito per il danno biologico che ha subito e per il fatto che, nel periodo di convalescenza, non ha potuto produrre reddito.

La seconda inerisce la perdita o limitazione della capacità fisica che viene stabilita e calcolata in numeri percentuali da un medico legale. In questo caso, si viene risarciti per aver subito un danno a livello biologico, ma anche per essere stati vittime di un danno speciale professionale, nella circostanza in cui le lesioni riportate abbiano causato una riduzione delle proprie abilità lavorative, limitandone anche i profitti e gli eventuali guadagni.

Vi sono anche casi in cui siffatto danneggiamento viene calcolato in via imparziale e vi è un risarcimento a livello pecuniario; ciò si verifica quando, in virtù dell’art. 1226 c.c., il danno non si può accertare nella sua precisa e chiara entità.

Per ottenere la quotazione imparziale bisogna che venga provata la presenza di un danno indennizzabile, anche se siffatta pretesa venga ritenuta configurabile dalla giurisprudenza anche quando gli elementi probatori presentati dal soggetto leso non abbiano validità ed effettività dimostrativa (Cass. 22.5.1979, n. 2972).

Siffatta quantificazione non si verifica, invece, se si accerta la precisa e chiara entità del danno, mediante pareri e giudizi di carattere tecnico.

Mentre, il risarcimento a livello pecuniario viene regolamentato dall'art. 2058 c.c. , secondo cui il soggetto leso può pretendere il risarcimento pecuniario, solo se ve ne è la possibilità. Spetta, poi, al Giudice stabilire se siffatto risarcimento deve avvenire a livello pecuniario, nel senso che ci si trovi di fronte ad un obbligo di carattere economico che prevede la corresponsione di una somma che equivale alla privazione dei beni patrimoniali subita dal soggetto leso e determinata dal suddetto reato.

Vengono inclusi nel risarcimento anche: la concessione di beni identici a quelli danneggiati, la ristrutturazione del bene danneggiato e l’eliminazione di tutto quello che è avvenuto in maniera illegale. Invece, il bonus-malus è il premio d’obbligo sotto forma di saldo, che viene ammesso per la persona assicurata tenendo conto degli eventuali rischi che può correre.

L'studio specializzato a Napoli si ocupa anche di: diritto penale minorile, militare, tributario, amministrativo, denuncie per stalking, querele, Ingiuria, oltraggio, diffamazione, difesa reati penali, responsabilità medica penale, crimini informatici, crimine informatico, reati telematici, sequestro di persona, estorsione, rapina, stupro, associazione per delinquere, truffe, frodi fiscali, omicidi colposi, colpa medica, traffico di rifiuti, detenzione materiale pedopornografico, omicidi colposi in incidenti stradali, Estradizione internazionale

Materie: Diritto penale, Diritto dell’Ambiente, Diritto Commerciale internazionale, Diritto di Famiglia(separazione - divorzio e affidamento figli minorenni) , Diritto  del Lavoro, Diritto Informatico, Diritto Fallimentare, Diritto Finanziario, Diritto penale Minorile, Diritto penale militare, Diritto penale amministrativo, Diritto penale internazionale, Diritto penale Aziendale, Diritto Tributario, Diritto Penitenziario, Diritto bancario, Diritto edilizio, Diritto Penale urbanistico, Diritto Penale Europeo, Reati Informatici e Telematici, Reati penali Internazionali, Crimini di Guerra, Diritto Penale assicurativo.

- puo anche ricevere il servizio di  nostri migliori avvocati penalisti a: l'Aquila,  Chieti, Pescara, Teramo, Matera, Potenza, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno, Bologna, Ferrara, Forli-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Gorizia, Pordenone, Trieste, Udine, Frosinone, Latina, Rieti, Roma, Viterbo.

- i nostri collaboratori sono anche a: Genova, Imperia, Spezia, Savona, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e della Brianza, Pavia, Sondrio, Varese, Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino, Campobasso, Isernia, Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Novara, Torino, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Bari.

- l'studio legale di consulenza e assistenza ha sedi anche a: Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Foggia, Lecce, Taranto, Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Sassari, Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa, Trapani, Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena, Bolzano, Trento, Perugia, Terni, Valle d'Aosta, Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza.

Minori sono i risarcimenti che derivano dall’obbligo, maggiore è l’importo di cui fruisce la persona assicurata. Le categorie di merito sono 18, quella più fruttuosa è la 1, quella meno fruttuosa è la 18. Generalmente chi stipula, per la prima volta, un contratto di assicurazione viene incluso nella categoria 13, che si riduce di una unità (Bonus), per ogni anno che trascorre senza causare incidenti; contrariamente, la categoria viene aumentata di 2 unità (Malus).